vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Il patrimonio della biblioteca

caratteristiche, consistenza, organizzazione e storia delle raccolte

Il patrimonio attuale della biblioteca (archivi esclusi) ammonta a circa 61000 volumi, 680 periodici di cui 274 correnti, 6200 dischi, 1100 microfilm. La biblioteca acquista e riceve in dono/scambio circa 2000 unità di materiale bibliografico e audiovisivo all'anno.

In relazione all'articolazione disciplinare del Dipartimento di origine (Musica e Spettacolo), la biblioteca comprende un settore musicale, un settore teatrale e uno cinematografico. La danza è rappresentata principalmente da una sezione della biblioteca teatrale (collocazione QQ) sebbene opere relative a questa disciplina, a seconda del loro particolare taglio, possano trovarsi collocate all'interno del settore musicale.

L'organizzazione interna dei singoli settori, ove non prevalgano criteri di conservazione, è stata ulteriormente condotta per materie. È possibile prendere visione dello schema di classificazione del materiale librario e da qui accedere ai dati bibliografici consultando il catalogo classificato e le tabelle annesse (dalla sola rete di ateneo).

La biblioteca partecipa al Sistema Bibliotecario Nazionale. Il 95% del posseduto risulta visibile attraverso l'OPAC del Polo bolognese e l'OPAC nazionale SBN. I cataloghi interni sono consultabili dai computer connessi alla rete di ateneo.

__

La Sezione di Musica e Spettacolo della Biblioteca del Dipartimento delle Arti è aperta al pubblico dal 1987. L'attuale sede di via Barberia 4, in Palazzo Marescotti, è stata inaugurata nel 2007.

La formazione del patrimonio documentale della biblioteca risale alla fusione delle biblioteche dell'Istituto di Discipline della Musica e dell'Istituto di Discipline dello Spettacolo (istituti che cessarono di esistere con l'istituzione del comune dipartimento) e della Cattedra di Storia della musica della Facoltà  di Magistero (oggi Scienze della formazione). Verso la fine degli anni '80 la biblioteca dipartimentale ha assorbito quella dell'estinto Istituto di studi musicali e teatrali (IMET).
La biblioteca ha beneficiato di frequenti donazioni da parte di docenti del dipartimento e di studiosi esterni. Tra i fondi più cospicui pervenuti con tale modalità si segnalano le donazioni di testi musicologici ed edizioni musicali del prof. F. Alberto Gallo, del prof. Lorenzo Bianconi e del compianto prof. Howard Mayer Brown (University of Chicago). I principali benefattori sono ricordati nella tabula gratulatoria.

Dall'aprile del 2011 la biblioteca ospita l'organo positivo di Domenico Maria Gentili (1797), di proprietà del Dipartimento, qui alloggiato in attesa della possibilità di procedere al suo restauro.

Risorse

Collezioni speciali
fondi particolari e archivi della Biblioteca di Musica e Spettacolo
L'organo positivo di Domenico Maria Gentili (1797)
di proprietà del Dipartimento delle ARTI visive performative e mediali
Tabula gratulatoria